PIEMONTE

LA CORONA DI DELIZIE

reggia di venaria - unesco - residenze sabaude

La dinastia sabauda volle circondarsi di un sistema di regali residenze, teatro della raffinata vita di corte e maestosa testimonianza del potere acquisito da Casa Savoia.Agli antichi palazzi si affiancarono magnifiche regge progettate dai principali architetti dell’epoca; al centro di comando torinese si aggiunsero luoghi di svago e piacere lungo i fiumi, in collina, nella campagna circostante. La costruzione di sfarzose maisons de plaisance, fra Cinquecento e Settecento, fu frutto di un disegno architettonico ben preciso: creare una “Corona di Delizie” che circondasse la città. Da luogo di loisir riservato alla corte, le regge si aprono oggi al pubblico e confermano la loro vitalità scoprendo una nuova vocazione culturale, ospitando collezioni storiche e organizzando eventi che ne rinnovano il fascino e lo splendore scenografico.

Noi possiamo accompagnarvi in visita all’interno di tutte le Residenze. Contattaci!

 

CANELLI E LE CATTEDRALI SOTTERRANEE

canelli - cattedrali sotterranee

A rendere unico il territorio è anche il sottosuolo dove hanno sede le “Cattedrali Sotterranee”, le Cantine Storiche di Canelli che si snodano per chilometri sotto il centro storico cittadino. L’appellativo “Cattedrali Sotterranee” deriva dalle ampie volte caratterizzanti le gallerie che traggono origine da più piccoli locali scavati nel sottosuolo durante il basso medioevo, con lo scopo di stoccare merci destinate soprattutto ai porti liguri. Dopo la metà del XIX secolo, i sotterranei, dove si registra una temperatura costante di 15 ° C tutto l’anno, divennero il luogo ideale per la produzione dello Spumante e a questo scopo vennero ampliati fino a raggiungere un’ estensione di svariati chilometri.Attualmente sono visitabili le Cantine Contratto, le Cantine Gancia, le Cantine Bosca e le Cantine Coppo.

 

ALBA E LE LANGHE

13002500_10209221348553966_209370554953075967_o

Colline e vigneti si alternano a castelli e borghi storici: questo è il paesaggio che si propone allo sguardo dei visitatori che visitano per la prima volta questo territorio che L’Unesco ha decretato nel 2014 meritevole del riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità. Da non perdere!

Visita guidata del centro di Alba, conosciuta come la città delle Cento Torri, Alba è la capitale indiscussa delle Langhe e del Roero, nota a livello internazionale per la Fiera del Tartufo che qui si tiene ogni autunno. Si potranno così scoprire le eccellenze enogastronomiche del territorio.

Altre opzioni di visita:

  • Castello Grinzane Cavour
  • Barolo e Wine Museum
  • Veduta panoramica da La Morra
  • Cantina Ceretto
  • Tenuta Storica di Fontanafredda

 

 

LE MONTAGNE OLIMPICHE E I SUOI FORTI

Claviere-cuore-delle-montagne-olimpiche-@-REGIONE-PIEMONTE

Gli itinerari proposti porteranno alla scoperta di alcuni fra i piu’ suggestivi castelli e dei migliori esempi di architettura militare di cui è disseminato il Piemonte. Partendo da Torino e attraversando la valle di Susa si potranno visitare:  il Castello di Rivoli riconvertito in Museo di arte contemporanea, il forte di Exilles sistema difensivo del VII secolo,  il complesso fortificato del XVIII secolo di Fenestrelle. Sono solo alcune delle strutture fortificate visitabili alternando anche qui l’interesse storico e culturale  con i piaceri dell’enogastronomia piemontese.

I LAGHI

orta6

Un saliscendi di emozioni. Il lago d’Orta è uno specchio d’acqua intrappolato tra i monti: un luogo fiabesco che da secoli ispira la fantasia degli artisti. Da non perdere l’Isola di San Giulio, la pupilla del lago. A poca distanza vi attende il Lago Maggiore, con le sue romantiche isole e la sua natura incontaminata.

 

VERCELLI e VERCELLESE

images (37)

La provincia di Vercelli si presenta come un territorio che abbraccia l’intero corso del fiume Sesia dal Monte Rosa al Po e che racchiude un’incredibile varietà di paesaggi e ambienti naturali ma anche di elementi storici e artistici.  L’area più a sud è quasi interamente coltivata a riso ed è nota per lo straordinario spettacolo primaverile delle risaie sommerse: la pianura si trasforma in un’immensa scacchiera di specchi d’acqua, qua e là punteggiata di cascine e pioppi; è questo il “mare a quadretti”.  Domina quest’area la città di Vercelli ricca di storia, arte e cultura. Notevoli i suoi musei: il Borgogna, seconda pinacoteca del Piemonte e il Leone, con i suoi importanti reperti storici e archeologici. Preziose e antiche le sue chiese, tra cui la Basilica di Sant’Andrea, raro esempio di fusione tra lo stile romanico e quello gotico e la Chiesa di San Cristoforo (1515), considerata la “Cappella Sistina di Vercelli”.

Nella zona centrale della provincia sorgono le colline del gattinarese, note per la produzione delle pregiate uve delle Terre del Nebbiolo del Nord Piemonte che danno origine a importanti vini, apprezzati a livello europeo, quali ilGattinara docg e il Bramaterra doc.

A nord si trova la Valsesia, “la valle più verde d’Italia” che si estende ai piedi del Monte Rosa.

A Varallo, il cuore storico della valle, si possono visitare la Collegiata di San Gaudenzio, il Palazzo dei Musei con la ricca Pinacoteca, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie con il ciclo di affreschi sulla vita e la Passione di Cristo, realizzato da Gaudenzio Ferrari e il Sacro Monte di Varallo, patrimonio UNESCO dal 2003. La Novella Jerusalemme di Varallo è il Sacro Monte più antico dell’Italia settentrionale; composto da una cinquantina di cappelle che ripropongono la Passione e morte di Cristo con dipinti e statue a grandezza naturale, realizzate da grandi artisti, tra cui Gaudenzio Ferrari e Tanzio da Varallo.

 

NOVARA

novara

Per il visitatore attento e curioso Novara può essere una continua e piacevole scoperta. Il suo cuore è nel centro storico, ricco di eleganti palazzi che vanno dal Rinascimento all’Ottocento, con piazzette e stradine acciottolate. L’itinerario cittadino permette di conoscere la storia della città attraverso i suoi monumenti principali: mura romane, Piazza delle Erbe, Broletto, Battistero, Canonica, Basilica di San Gaudenzio, Portico dei Mercanti, esterni del Palazzo del Corpo di Guardia, del Palazzo della Borsa, della Barriera Albertina.